Russamento e apnea notturna: Che fare?

Il mio marito è un russatore da manuale. Inizia appena si addormenta e russa tutta la notte. Io invece dormo malissimo perché ogni volta che mi sto per addormentare riparte più forte e quindi è un martirio. Poi smette di respirare (e io mi preoccupo) e poi riparte ancora. Le apnee notturne si fanno sempre più frequenti. Cosa mi consigliate?

In primo luogo fa bene a preoccuparsi perchè il russamento e le conseguenti apnee notturne non sono solo un fastidio per Lei che ci dorme accanto ma è una questione clinica di rilevante importanza per la salute del suo marito. 

Quando uno russa vuol dire semplicemente che l’aria inspirata passa con fatica per le prime vie aeree e di conseguenza le fa vibrare. In questa maniera respirare durante il sonno diventa faticoso e sovraccarica il cuore e polmoni. Quando la difficoltà di passaggio dell’aria diventa estrema avvengono gli episodi di apnea notturna – interruzione temporanea della respirazione – che affaticano ancora di più il cuore e comportano una riduzione dell’ossigenazione nel sangue. Questo meccanismo comporta l’aumento di rischi di patologie anche molto serie e quindi è opportuno procedere con degli accorgimenti.

Qui di seguito le scrivo alcuni link utili per ricercare la soluzione a questo problema: