Quanto costa la rinoplastica in Italia?

Mi voglio rifare il naso perché ho il naso lungo con gibbo e anche un po’ storto. Non ho paura dell’ intervento, né del dolore  o dell’ anestesia. La mia “paura” è semplicemente il costo dell’ intervento. Ho letto in internet diversi siti con prezzi davvero sparati in alto ed in basso e non ci capisco più nulla. Inoltre ho letto anche della possibilità di andare all’ estero spendendo molto meno che in Italia… Cosa mi consigliate?

In primo luogo di cercare di inserire nel ragionamento anche fattori come sicurezza dell’ intervento e qualità chirurgica. Certo non è facile capire se una clinica o un chirurgo estetico è bravo o meno dal cartello. Magari bisognerebbe affidarsi a qualche paziente operato o all’ opinione di persone che abbiamo testimonianze dirette. Detto ciò passiamo all’ argomento “Quanto costa la rinoplastica“.

Il prezzo della rinoplastica – come il costo per qualunque servizio complesso – è variabile in funzione della specifica caratteristica della procedura da eseguire. Nessuna rinoplastica è uguale ad un’altra perché nessun naso è uguale ad un’altro. Ovviamente ci deve essere un range di prezzo che in maniera indicativa pensiamo possa essere tra 4000 e 6000 euro.

All’ estero la chirurgia estetica costa meno. Se è ben fatta potrebbe essere un “affare” ma bisogna aggiungere al minor costo per l’intervento le spese di viaggio e soggiorno in occasione dell’ intervento e per le medicazioni future. Se a questo ultimo punto si obietta il fatto che posso fare le medicazioni a casa, la risposta è pericolosa. Se l’intervento non viene bene o non è soddisfacente, chiedere un risarcimento all’ estero, magari in un paese tipo Turchia, Romania o Bulgaria, risulta estremamente complesso e costoso. Se poi le medicazioni sono fatte da un’ altro medico o infermiere, la responsabilità e talmente diluita che il paziente danneggiato potrà rimanere con un pugno di mosche in mano.

Voglio il naso di Angelina Jolie!

Sono Maria Giovanna, ho 28 anni ed abito a Milano. Il mio sogno? Semplice! Voglio il naso di Angelina Jolie. Da sempre voglio correggere il mio naso che è grande e brutto. Ho più volte stampato foto mie e con la matita ho ridisegnato il profilo che vorrei ispirandomi al naso della mia adorata Angelina. Non che mi voglia montare la testa ma il resto del viso è all’ altezza. Si potrà mai fare?

Il tuo email merita alcuni chiarimenti molto importanti e perentori. Nessun intervento di rinoplastica potrà in assoluto mai farti il naso di Angelina Jolie. Togliti l’idea della testa perché ogni risultato chirurgico è legato alle particolari e speciali caratteristiche anatomiche di ciascun paziente. Essendo che ognuno di noi è unico, anche il risultato di chirurgia estetica lo sarà. Chiarito ciò invece è utile che tu suggerisca al chirurgo un’ immagine indicativa di ciò che tu personalmente ritieni che sia bello affinché si possa considerare in fase di progettazione dell’intervento. Non si tratta quindi di un modello da copiare ma di un modello a cui ispirarsi.

Sottolineo inoltre che è praticamente certa l’insoddisfazione del paziente che desidera assomigliarsi ad un altra persona.

 

Liposuzione guaina

 È vero che dopo l’intervento chirurgico si deve usare una speciale guaina per la liposuzione? Per quanto tempo? Permette di muoversi comunque?

Dopo l’intervento di liposuzione alle gambe o all’addome è bene certamente seguire le prescrizioni del chirurgo e recarsi in clinica per rimuovere il bendaggio compressivo e per sentire il comportamento ideale da tenere nel periodo successivo per ottimizzare i risultati. La guaina post liposuzione cui lei si riferisce è bene sostituita da una calza elastica a compressione graduata, che offe il sostegno e la compressione ideale a tutta la gamba e non solo ad una porzione, come farebbe la guaina. I collant vanno indossati per un minimo di un mese, ma poi le indicazioni più precise vengono fornite al momento della dimissione e variano a seconda di ciascun caso.

Cicatrice peggio dell’ inestetismo corretto

Rassodare la pancia è il mio sogno. Sono una ex obesa che “grazie” al troppo “appetito” si ritrova con una pancia bruttissima. Ho letto dell’ addominoplastica e credo che faccia al caso mio. La questione che mi pongo e la seguente: Non è che risolvo il problema della pancia rilassata e mi ritrovo con una cicatrice peggio dell’ inestetismo corretto?

La sua domanda è estremamente lucida e la risposta è dipende. La cicatrice dell’ addominoplastica è una fine linea orizzontale anteriore il pube facilmente nascosta dalla mutanda.  Comunque c’è e ci sarà e quindi la valutazione sull’ opportunità di eseguire o meno l’ intervento addominale e legata al bilanciamento tra “pancia bruttissima” e addome piatto con cicatrice. La scelta può essere fatta solo dal paziente interessato stesso dopo una profondo riflessione. Per aiutare a capire il risultato ottenibile è consigliabile guardare le foto di chirurgia estetica. Potrà così avere una idea del risultato ottenibile con l’intervento addominale.

Il laser non ustiona

Mi sono informata sui vantaggi del laser in chirurgia estetica e sono interessata al vostro centro appunto perché so che è lo strumento di preferenza in gran parte degli interventi. Ho però una curiosità: come è possibile che la pelle non riporti delle ustioni a causa di questo strumento? Per questo non sarebbe meglio utilizzare il bisturi?

Gentile signora, il laser Laser: dispositivo utilizzato anche in campo medico capace di emettere un fascio di luce coerente, monocromatica e concentrata in un raggio rettilineo collimato attraverso il processo di emissione stimolata. utilizzato nel nostro centro di chirurgia estetica è il laser pulsato ad anidride carbonica (Laser Co2 pulsato) che, grazie alle sue caratteristiche, evita le ustioni che lei tanto teme. La precisione del raggio fa sì che siano colpite solamente ristrettissime zone; inoltre è proprio grazie all’altissimo calore del laser Laser: dispositivo utilizzato anche in campo medico capace di emettere un fascio di luce coerente, monocromatica e concentrata in un raggio rettilineo collimato attraverso il processo di emissione stimolata.che i vasi sanguigni dell’incisione vengono immediatamente coagulati evitando perdite di sangue. Il calore poi non viene diffuso alle zone limitrofe, ma si limita alla sola zona dove il chirurgo estetico direziona il raggio laser. Queste caratteristiche e la pluridecennale esperienza nel campo della chirurgia estetica, fanno del laser lo strumento d’elezione della Pallaoro Medical Laser.